Risposte del Maestro Wei alle domande riguardo all’aiuto con il Qi (Lezione del 13 luglio 2013).

Risposte del Maestro Wei alle domande riguardo all’aiuto con il Qi (Lezione del sildenafil aurobindo 100 mg 13 luglio 2013).

Maestro Wei, 13 Luglio 2013:

Sono molto felice di condividere alcune esperienze di guarigione con tutti. Naturalmente vorrei anche condividere insieme a voi altre cose riguardo all’Aiuto con il Qi.

Adesso sedete dritti, chiudete gli occhi, guardate all’interno…, guardate dentro il Palazzo di Shenji.

Dal Palazzo di Shenji illumina dentro tutto il corpo.

Rilassa.

Dallo spazio più Interno e profondo apri, ed espandi nell’Universo.

Per prima cosa l’Universo entra dentro il corpo, in profondità. Dall’interno, in profondità apri ed espandi nel Puro Universo.

Oppure puoi realizzare che è il viagra cialis levitra cielo azzurro. Apri e immergiti nel cielo azzurro, poi osserva all’interno in profondità.

Le basi dell’Aiuto con il Qi

Questa sessione è per il Gruppo di Aiuto con il Qi.

Quando mostri l’intenzione di volere unirti al “Circolo dell’Aiuto con il Qi” o al “Gruppo di Aiuto con il Qi” significa che hai già cambiato il tuo Interno.

La tua Consapevolezza inizia ad alzarsi, il sildenafil teva 100 mg prezzo in farmacia tuo Interno comincia a trovare la tua fiducia. Sembra che sia nulla, ma in realtà è molto, molto importante.

Molte persone, quando iniziano a praticare Qigong, vogliono ricevere aiuto dagli altri, e pensano “Il mio “Interno” non è abbastanza buono, sono un paziente, oppure la mia abilità interna non è sufficientemente buona per aiutare gli altri”. Questo è un grande blocco interno.

Questo tipo di idea limita o fissa il nostro potenziale, il nostro potenziale Interno; se vuoi aiutare gli altri, non hai bisogno di pensare se tu possa aiutare gli altri oppure no. Semplicemente fallo. Più o meno puoi portare dei benefici agli altri. Il tuo livello di Qigong migliorerà sempre di più insieme alla fiducia in te stesso… sempre di più. E poi potrai sempre più aiutare gli altri. Quindi quando per prima cosa ti unisci a questa sessione, hai già rotto il limite. Questo è molto importante.

Prima forse non sapevi del tuo Qi, né di come aiutare gli altri. Così vuoi sempre che siano gli altri ad aiutare te. Ma adesso la tua Consapevolezza si sta alzando. Stai cominciando a pensare “Aiuterò gli altri”. Questo è dare. E’ totalmente diverso dal prendere. Quindi quando comincia a dare, questo significa che il tuo Cuore si sta aprendo in maniera più ampia. E puoi aiutare gli altri.

Quando facciamo delle guarigioni, o usiamo il Qigong per aiutare gli altri, questo è davvero un ottimo modo per praticare noi stessi, per migliorare il nostro modo di pensare a livello mondiale.

Normalmente le persone pensano “Io aiuto gli altri”. Adesso, quando facciamo guarigioni con il Qigong, quando aiutiamo gli altri dobbiamo sapere che aiutare gli altri e aiutare noi stessi è una Interezza.

Quando aiuti gli altri, con lo stesso processo aiuti anche te stesso. Naturalmente questo aiuto dovrebbe avvenire in un buono stato di Qigong, uno Stato Consapevole. E’ totalmente diverso dal livello generale del pensiero dell’aiuto.

Così alcune persone pensano “Posso aiutare gli altri?”, oppure “Quando aiuto gli altri posso causare loro dei fastidi?

No! Se tu realmente, dal profondo del tuo Vero Cuore, vuoi aiutare gli altri, in un buon stato di Qigong, lo stato della Interezza, tu aiuti gli altri e te stesso.

Quando iniziamo a fare le guarigioni all’inizio abbiamo bisogno di capire che questa guarigione va oltre il livello di pensiero generale. E’ nel livello della Interezza. Quindi in questo caso, quando diciamo “Ti aiuto”, le persone si fisseranno sull’aiuto. Nella mente delle persone esse pensano “Io ti aiuto”.

Ma adesso siamo nella Interezza. “Aiutare gli altri” e “aiutare il Sé” sono una Totalità. Quindi se vogliamo migliorare il nostro livello di Consapevolezza e la nostra vita, dobbiamo diffondere l’informazione positiva, l’informazione di guarigione, la buona informazione nella Interezza.

Così fare le guarigioni è un buon modo per praticare il potenziale della nostra Consapevolezza. Quindi il fare una guarigione per gli altri è un ottimo modo per sentire la nostra Consapevolezza, per migliorare la capacità della nostra Consapevolezza.

Nel ZQG noi facciamo guarigioni, usiamo “il Qi aiuta gli altri”, e questo è un metodo di pratica. Non creare un conflitto o delle contraddizioni tra te e gli altri. Tu e gli altri siete un Tutt’Uno.

Sentire la Totalità

Adesso sentiamo che le nostre Consapevolezze sono connesse insieme, nello stesso campo di Consapevolezza, nello stesso campo di Qi.

Andiamo oltre il tempo e lo spazio, ci fondiamo insieme, Cuore a Cuore, Consapevolezza a Consapevolezza.

Queste sono le basi dell’ “Aiuto con il Qi”.

Se la nostra Consapevolezza pensa sempre “io ti aiuto”, questo è un aiuto condizionato. Invece abbiamo bisogno di arrivare alla Interezza. L’aiutare è aiutare, ed è incondizionato. Perché tu e gli altri siete la Totalità.

Quindi aiutare gli altri è aiutare se stessi. E’ un tutt’uno.

Rilassa…

Adesso senti questa Interezza, che connette tutti i partecipanti del gruppo di aiuto con il Qi. Per prima cosa connettiamoci insieme, sentiamo questa Totalità.

Adesso diamo una buona informazione, pensiamo Haolà.

Pensa “Hun yuan ling tong”, pensa a questa Interezza che è molto salubre. Tutti in questa Interezza siamo in salute. Naturalmente includendo te stesso, hai già fuso te stesso con questa Totalità.

Connetti la tua Consapevolezza , attraverso tutto il tuo corpo.

Connetti il tuo campo di Consapevolezza e l’Universo.

Adesso pensa alla tua informazione di salute, lo Yiyuanti viene fuori dalla nostra Consapevolezza. Questa informazione di salute influisce su questa Interezza.

Questa Interezza diventa molto pura, molto salutare.

Quindi non giudicare.

Rilassa…

Quando abbiamo l’informazione per aiutare gli altri a guarire o per aiutare la Interezza, questa è una buona occasione per migliorare il nostro Amore Universale e la nostra Compassione, per costruire una base concreta per la nostra pratica futura.

Se una persona pratica e pensa soltanto al proprio sé limitato, anche la pratica personale sarà limitata. Dopo una certa quantità di tempo si potrà sentire che la propria vita diventa migliore. Ma ad un certo livello, quando il Qi diventa più abbondante, quella persona avrà più conflitti nella propria vita. Proprio perché essa pensa sempre a se stessa. E’ limitata. Apparirà il conflitto tra il sé e gli altri, e tra il sé e la Interezza.

Adesso osserva dentro te stesso, porta via tutti i limiti. L’aiutare gli altri necessita di un Cuore compassionevole. Fai esperienza della Compassione, dell’Amore dell’Universo.

Rilassa.

Kong Kong Dang Dang, Huang, Huang Hu Hu (Vuoto, ma non vuoto)

Quando facciamo delle guarigioni con il Qigong, dovremmo stare in questo stato.

Quando pratichiamo un metodo di Qigong, dovremmo stare in questo stato.

Quando organizziamo il campo di Qi e quando ascoltiamo questa lezione, adesso, dovremmo ancora stare in questo stato di Interezza.

Adesso continuiamo a stare in questo stato, condividiamo l’informazione di salute attraverso le risposte alle domande.

Quando rispondo a queste domande, la mia Consapevolezza si connette con la vostra Consapevolezza. In effetti, io no sono “Io”, ma sono la Interezza. Voi non siete “voi”, siete anche voi la Totalità, noi siamo un tutt’Uno.

Così sembra che la mia risposta provenga da questo piccolo sé, ma questa risposta proviene anche dalla Totalità. La risposta “accade” anche nella vostra Consapevolezza.

Facciamo esperienza di questo processo e condividiamo tutte le informazioni positive. E tutte le informazioni positive verranno intensificate oltre, più in là nel tempo.

Quindi, dopo che conoscerete questa informazione, il vostro interno diverrà più fiducioso, e comincerete direttamente ad aiutare gli altri con il Qi.

Non dubitate.

Non giudicate.

Rilassate.

Domanda 1 (a) – come possiamo aprire i nostri Cuori Compassionevoli in modo da volere “Aiutare con il Qi” in maniera naturale, nello stesso modo in cui vogliamo mangiare o respirare?

Ok. Per prima cosa abbiamo bisogno di conoscere che questa è Interezza. L’aiuto con il Qi è una specie di pratica. In effetti è un livello alto di pratica.

Nel corso dei diversi anni, il Dottor Pang ha insegnato a fare le guarigioni ad alcuni praticanti avanzati. E attraverso il fare le guarigioni si riconosce il potere della Consapevolezza, si costruisce la fiducia.

Dopo che fate guarigioni per gli altri, se il cancro è scomparso, se molte malattie sono sparite, allora confermerete il potenziale della vostra Consapevolezza. Normalmente noi usiamo le nostre mani, usiamo il nostro corpo, usiamo questo tipo di potere per fare diverse cose. Non sappiamo però come usare direttamente il potenziale della Consapevolezza per fare le cose. Quindi abbiamo bisogno di praticare, di usarlo attraverso la pratica.

Dopo che lo potrete usare con grande abilità, saprete “Oh, la mia Consapevolezza, attraverso l’informazione può fare un mucchio di cose!”. Allora comincerete ad avere fiducia nella vostra Consapevolezza. Attraverso un aver fiducia sempre maggiore nella vostra Consapevolezza, gradualmente arriverete al Vero Sé.

Riconoscerete il potenziale, le funzioni del Vero Sé e l’esperienza dell’Essere del Vero Sé. Questo è un buon modo.

Quando facciamo delle guarigioni, non ci focalizziamo solo sulla tecnica. Non pensate soltanto a come guarire i problemi degli altri. Nello stesso tempo avete però bisogno di fare esperienza dell’intero processo. Quando fate le guarigioni dovete fare esperienza di ciò che sta accadendo nel vostro corpo. Cosa succede nella vostra Consapevolezza? Avete bisogno di fare esperienza di queste trasformazioni Interne. Ovvero, abbiamo bisogno di fare esperienza della trasformazione della Interezza.

La guarigione con il Qigong prova che esiste il nostro Vero Sé, migliora la Interezza. Dopo che avremo conosciuto questo processo, noi apriremo coscientemente il nostro Cuore, cominciando a fare guarigioni, o cominciando ad aiutare gli altri. Se facciamo in questo modo il nostro Cuore Compassionevole si aprirà in maniera naturale.

Domanda 1 (b) – qual è la maniera più efficace per mandare Qi alle persone?

Non c’è un unico modo efficace, dipende tutto dal nostro Cuore. Se noi crediamo in noi stessi, ogni modo può essere un modo efficace.

Adesso voglio accennarvi qui ad una cosa. Dopo che fate guarigioni per gli altri, man mano che fate un po’ di esperienza, vorrete fare altre guarigioni agli altri. Fino a che, quando gli altri avranno bisogno di aiuto, il vostro primo pensiero manderà agli altri buona informazione e Qi.

Questo è molto efficace, il primo pensiero.

Non giudicate. Abbiamo bisogno di coltivare il primo pensiero, con la buona informazione. Quando qualcuno chiede aiuto, non pensate alle condizioni, o non pensate ai soldi. Il primo pensiero è “gli altri hanno bisogno di aiuto”, pensa semplicemente “Haolà”. Primo pensiero, buona informazione!

Gradualmente scoprirete il potere del primo pensiero. Tutto il potenziale, tutto il potere viene fuori dal primo pensiero. Perché il primo pensiero è diretto. Se pensate troppo, il potere sarà ridotto e separato.

Domanda 1 (c) – come ci dobbiamo preparare per un aiuto con il Qi?

Normalmente quando vogliamo aiutare gli altri, per prima cosa dobbiamo calmarci. Non attacchiamoci alla malattia degli altri, ai problemi degli altri.

Per prima cosa il vostro Interno deve calmarsi, entrare dentro uno stato di Pace Interiore, uno stato armonioso. Questa è la prima preparazione.

Poi, la seconda preparazione, avere una pratica diligente di QG, allenare il potere e il potenziale della Consapevolezza nella tua vita quotidiana.

La terza preparazione è che avete bisogno di avere realmente un buon Cuore, un Cuore caldo. Direttamente, quando qualcuno ha bisogno di aiuto, non pensare a niente, semplicemente aiutatelo.

Se si avranno questi 3 punti, penso che ciò sarà sufficiente.

Domanda 1 (d) – cosa dobbiamo fare per mandare delle potenti guarigioni?

Ahh…, non dovete fare nulla, non avete bisogno di pensare.

Direttamente dal vostro primo pensiero, mandate una buona informazione agli altri. Dovete coltivare questa capacità nella vostra vita quotidiana. Dovete formare questa abitudine.

Il primo pensiero è l’informazione più potente.

Traduzione a cura di Delia Trezza

Trascrizione pubblicata qui

 

Se l’articolo ti piace condividilo

I commenti sono chiusi.