TU CHIAMALE SE VUOI….VIBRAZIONI!

Le persone invidiano o sono gelosi di qualcosa, di qualcuno e di quello che altri sanno creare e non comprendono che la loro firma energetica, la vibrazione che emettono in quello che fanno è il loro biglietto da visita, è la loro scia, la loro traccia, è ciò che sono davvero.
”Energia” e “vibrazioni” , parole che leggiamo o argomenti che affrontiamo su come certe persone irradiano vibrazioni positive, mentre altre emettono un’energia negativa.
Qualcuno dice “quell’individuo mi esaurisce psichica-mente” o “sto proprio bene quando mi trovo con quella persona” oppure“ha delle vibrazioni bellissime”.
Ad un certo livello comprendiamo che c’è una corrispondenza fra CHI un individuo è ed il tipo di energia o vibrazioni che emette.
Edgar Cayce (sensitivo statunitense, famoso per le sue attività di presunto chiaroveggente e taumaturgo) lo aveva già fatto notare :i pensieri sono cose ed esiste un’interconnessione fra l’anima di una persone e il suo schema vibrazione personale – una vibrazione che è tanto unica quanto un’impronta digitale.e chiarisce che: “gli schemi mentali fanno precipitare energia nelle forme
materiali.
Quando l’energia si unisce agli schemi di pensiero, ha luogo qualche forma nuova ed unica di creazione. Comunque questo processo venga compreso, è chiaro che gli oggetti materiali abbiano una “memoria” delle informazioni contenute nelle influenze vibrazionali.
Oltre alle vibrazioni degli individui, le vibrazioni collettive della gente imprimono edifici, luoghi e persino città e paesi, figuriamoci in un campo di qi di Zhineng Qi Gong!
Per esempio, la sensazione energetica all’interno di una chiesa, sinagoga, tempio o moschea, anche quando è
vuota, è molto diversa dall’energia e dalle vibrazioni in un ufficio postale o un centro commerciale.
Cayce sosteneva che gli stessi pensieri degli individui possiedono una vibrazione, portando alla creazione di “crimini o miracoli” per l’energia emessa da quei pensieri ed intenzioni.
Nei discorsi di Cayce sulla crescita spirituale, è racchiusa
l’importanza di coltivare i nostri pensieri in modo costruttivo. Per la crescita spirituale e personale, Cayce prescrisse di lavorare tutti i giorni con degli ideali spirituali, di lavorare con la sintonia personale e con l’applicazione personale.
Secondo Cayce, delle vibrazioni ottimali sono intrecciate con il sé dell’anima e sono latenti in noi, nell’attesa di essere attivate nel momento in cui ci metteremo in sintonia con i nostri ideali.
Un aspetto importante è quello di cominciare a mettere in pratica ciò che spero di diventare.
Così posso portare le vibrazioni ad una qualità di coscienza più spirituale e, di conseguenza, esprimere gli ideali della mia anima attraverso la mia crescita personale.
Troppe persone sono concentrate ad invidiare o copiare ciò che gli altri sanno fare e non si accorgono che il risultato cambia… perché ciò che sono emerge anche invisibilmente.
Le informazioni di Cayce suggeriscono che, guariamo e feriamo ogni individuo, con cui veniamo a contatto, per mezzo della vibrazione che emettiamo e la nostra vibrazione ha quello stesso tipo di impatto sul mondo in generale. In qualsiasi istante la nostra vibrazione è essenzialmente la totalità di ogni cosa che l’anima abbia conosciuto, creduto, applicato e pensato.
La nostra vibrazione cambia attraverso le esperienze della vita e la nostra crescita spirituale personale, il percorso o i km che una persona ha già fatto, fanno la differenza in ciò che emaniamo all’esterno.
Per Cayce, una delle ultime mete nella vita è quella di dare in qualche modo espressione all’individualità dell’anima mentre siamo sulla terra – portando così lo spirito sulla terra.
A questo scopo ogni individuo ha la capacità di manifestare una vibrazione unica che rifletta in qualche modo l’immagine stessa del divino.
Lasciate lavorare chi ha voglia di farlo, chi si impegna ogni giorno per questo, ed evitate di scimmiottare lo stile UNICO altrui.
Siate voi stessi, ed impegnatevi nel crescere all’interno, per riflettere all’esterno ciò che siete DAVVERO DENTRO!

Se l’articolo ti piace condividilo

I commenti sono chiusi.