http://www.reikipeople.net/default.asp?Link=www|dacuoreacuore|it
Reiki da un medico dell'Istituto Europeo di Oncologia di Milano



Un'amica mi segnala questo interessante articolo:


Maria Giovanna Luini/ Reiki, l'energia che riequilibra


Esiste la medicina tradizionale, ma c’è anche altro. Ne parliamo con MariaGiovanna Luini, scrittore, divulgatore scientifico, medico all’Istituto Europeo di Oncologia di Milano

Il mistero e l'energia che riequilibra anima, corpo, mente e le naturali difese psicofisiche, attraverso l'uso della cosiddetta "energia universale". Sappiamo bene che il rapporto armonico mente-corpo- anima è fondamentale per il benessere psicofisico. È proprio lì, tra corpo, anima e psiche, che la sofferenza cerca accoglienza e riconoscimento perché le emozioni sospese restano incagliate proprio come in un limbo, in attesa di essere accolte, riconosciute, espresse e "trasformate". I nostri pensieri, le nostre emozioni e i nostri comportamenti, interagiscono continuamente con il nostro sistema energetico, contribuendo al nostro malessere o al benessere, ecco allora che il Reiki, un metodo di connessione spirituale con l'Esistenza e di trasmissione dell'Enegia Universale, può venire in nostro aiuto. Ne parliamo con MariaGiovanna Luini, scrittore, divulgatore scientifico, medico (senologa) all’Istituto Europeo di Oncologia di Milano (IEO); Master Reiki (diverse tecniche Reiki) e Foundational Practitioner di Reconnective Healing.

MariaGiovanna Luini, lei unisce alle specializzazioni come radioterapia e chirurgia generale , il Master Reiki e la pratica di Reconnection. Cosa può dirci della medicina integrata?
«Ognuno ha un modo proprio di prendersi cura degli altri. Per me, per la mia pratica medica quotidiana, integrare significa mettere insieme avendo consapevolezza. La medicina integrata, che io uso, si basa prima su uno studio accurato e approfondito di tecniche e approcci che possono aiutare la gente, poi sulla loro adozione nei casi che ritengo adatti. Integrare cioè mettere insieme, mai separare o escludere a priori: chiunque escluda a priori la medicina tradizionale a favore delle cosiddette “alternative”, per esempio, compie errori madornali, e lo stesso accade a quei medici che, nel nome di un presunto approccio scientifico che in fondo è solo una boa per la propria insicurezza, rifiutano di informarsi, di aprire la mente al dubbio e al mistero. Allargare la mente, il cuore, allargare le braccia per aiutare cercando per ogni singola persona l’insieme delle possibili soluzioni. La medicina integrata richiede studio, costante impegno per non essere approssimativi: avere cura delle persone è questione di amore e coscienza, approssimazione e faciloneria sono bandite. Con la medicina integrata si guarda TUTTA la persona, non la si frammenta in modo eccessivo».

Da varie valutazioni emerge che il Reiki ha diversi benefici: è coadiuvante nella terapia del dolore, stimola l’autoguarigione naturale e l’armonia psichica, favorisce il flusso energetico in tutto il corpo, genera un profondo rilassamento ed è complementare ad altri trattamenti medici. In alcuni ospedali del mondo emerge come il Reiki sia efficace nelle terapie del dolore, nell'assistenza pre e post operatoria, durante i trattamenti chemio e radioterapici del malato oncologico. Cosa può dirci in merito?
«Esiste anche in alcuni ospedali italiani, sta prendendo piede e ne sono felice. A lungo ho insistito perché anche in IEO (Istituto Europeo di Oncologia) Reiki fosse adottato, ho fiducia che accadrà perché ho colleghi molto sensibili e attenti. Sono studiosa di Energia da anni e Grand Master Reiki, cioè Master in numerose tecniche Reiki, e ho conseguito le certificazioni di Practitioner in Reconnective Healing (la tecnica che uso al di fuori di IEO): metto insieme le terapie energetiche alle specializzazioni mediche e al Master in chirurgia senologica, ovviamente separando luoghi e contesti. Conosco anche la Pranic Healing, Theta Healing e via così: per chi non conosce sono nomi, di fatto si tratta di processi meravigliosi di interazione tra noi e l’Energia universale. Per semplificare si parla di pranoterapia: la cura con l’imposizione delle mani. Sono tante tecniche che, partendo da punti di vista simili ma non uguali, si basano sull’enorme intelligenza dell’Energia Universale, un’energia meravigliosa a disposizione di tutti, tangibile e presente.
I risultati delle terapie energetiche insieme alle cure di medicina tradizionale a volte sono sorprendenti, e non solo nell’alleviare il dolore».


Continua a leggere l'interessante articolo qui






Copyright © 2009-2016 Maria Grazia Mauri

Webmaster Maria Grazia Mauri