http://www.reikipeople.net/default.asp?Link=www|dacuoreacuore|it
Reiki nella chirurgia del ginocchio




"Effetti del Reiki sul dolore, l'ansia e la pressione sanguigna nei pazienti sottoposti a sostituzione del ginocchio: uno studio pilota"


Traduzione di Marta Tavola


I pazienti sottoposti alla chirurgia di sostituzione del ginocchio che hanno ricevuto tre o quattro sessioni di 30 minuti di Reiki hanno ottenuto dei benefici che vanno dal sentire meno dolore e pressione sanguigna inferiore, al poter ridurre l'uso di farmaci antidolorifici e avere un soggiorno più breve in ospedale, secondo recenti ricerche.

Lo studio, "Effetti del Reiki sul dolore, l'ansia e la pressione sanguigna nei pazienti sottoposti a sostituzione del ginocchio: uno studio pilota", ha coinvolto 46 pazienti sottoposti a chirurgia di sostituzione del ginocchio con un'età di 50-85 anni.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale sia al gruppo di Reiki, al gruppo di Reiki sham (Sham = finto, hanno finto di praticare Reiki ) o ad un gruppo di controllo che ha ricevuto solo la cura standard. Quelli del gruppo Reiki e Reiki sham hanno ricevuto la cura standard insieme al protocollo d'intervento.

I soggetti del gruppo Reiki hanno ricevuto tre o quattro sessioni di Reiki di 30 minuti durante il loro soggiorno in ospedale. Quelli del gruppo di Reiki sham hanno ricevuto tre o quattro sessioni di 30 minuti di Reiki durante il loro soggiorno in ospedale.

I partecipanti assegnati al gruppo di controllo hanno ricevuto l'assistenza standard per i pazienti sottoposti a chirurgia di sostituzione del ginocchio e hanno anche partecipato a tre o quattro sessioni di 30 minuti di tempo libero durante il loro soggiorno.

Le sessioni di Reiki di 30 minuti e di tempo libero si sono svolte un'ora prima dell'intervento chirurgico e poi 24, 48 e 72 ore dopo l'intervento chirurgico, ma solo se il paziente era ancora in ospedale.

Secondo gli autori dello studio, le sessioni di Reiki sono state fornite da uno dei tre praticanti di Reiki con livello master e le sessioni di Reiki sham sono state fornite da una delle due persone non abilitate al Reiki o in qualsiasi forma di terapia a contatto. Sia i praticanti master Reiki che quelli di Reiki sham hanno seguito la stessa routine, sia nelle posizioni delle mani che nelle tempistiche.

I risultati principali di questo studio hanno riguardato il ​​dolore, la pressione sanguigna e la frequenza respiratoria. La valutazione di tutti e tre i risultati è avvenuta prima e dopo ogni sessione d'intervento. I soggetti hanno inoltre completato un questionario prima e dopo le sessioni. Inoltre, i ricercatori hanno raccolto dati sulla degenza di ciascun paziente in ospedale dopo l'intervento chirurgico e l'uso di narcotici o analgesici, dopo l'intervento chirurgico mentre erano ancora in ospedale.

I risultati della ricerca hanno rivelato che solo i pazienti del gruppo Reiki hanno mostrato una significativa diminuzione del dolore, della pressione sanguigna, dello stato di respirazione e dell'ansia.
Inoltre, il Reiki accompagnato da un protocollo farmacologico di gestione del dolore ha determinato una migliore sopportazione del dolore postoperatorio e un utilizzo ridotto del farmaco antidolorifico rispetto al Reiki sham o alla sola cura standard. Gli autori dello studio hanno anche notato che l'ospedalizzazione si riduceva da 72 a 48 ore tra i pazienti del gruppo Reiki.

"La pratica Reiki in aggiunta alla cure standard dovrebbe essere maggiormente promossa", affermano gli autori dello studio. "Il Reiki è un'aggiunta e può migliorare la salute del paziente permettendo il ritorno a casa più velocemente e con meno complicazioni".




Copyright © 2009-2016 Maria Grazia Mauri

Webmaster Maria Grazia Mauri