Campo di Qi 3

Zhineng Qi Gong – Come organizzare un Campo di Qi nella Spirale.

Chi conosce e pratica Zhineng Qi Gong, conosce anche il Campo di Qi, creato dal Maestro Pang Ming, un concetto rivoluzionario per il Qi Gong.
Per chi invece non lo conosce e legge per la prima volta notizie sull’esistenza di questo Campo di Qi, il consiglio è quello di avvicinarsi alla pratica dello Zhineng Qi Gong e iniziare a sperimentarlo, possiamo accedere a questa preziosa conoscenza ed usarla per stare meglio qualora ci fossero malattie nel corpo, oppure per agevolare l’insegnamento del Qi Gong e facilitare l’apprendimento dei praticanti, o in molti altri aspetti della nostra vita.

Per anni abbiamo avuto sotto agli occhi tramite le copertine di alcuni libri a tema, l’immagine della Spirale umana diramata dal Zhineng Qigong, composta in Cina, nel Centro Huaxia, diretta e creata dal Maestro Pang Ming.

 

∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞

Partiamo da una “copertina” di un libro tradotto in Italiano, Zhineng Qigong I: Introduzione, teoria olistica e scienza del Qigong (Italiano) Copertina flessibile – 13 mag 2013
di Ooi Kean Hin (Autore), Vito Marino (Presentazione), Ramon Testa (Traduttore)

 

 

Bohr, fisico danese, è illuminante su questo: ” Quando si viene dagli atomi, il linguaggio può essere usato solo come nella poesia. Anche il poeta non è interessato tanto a descrivere i fatti quanto a creare immagini e stabilire connessioni mentali. La teoria quantistica ci offre una sorprendente illustrazione del fatto che noi possiamo comprendere pienamente una connessione, anche se possiamo parlare soltanto per immagini e parabole”.

Anche il secondo volume, riporta la stessa immagine.
Continuiamo con il retro della copertina del Libro di Master Yuantong Liu “Basic Theories and Methods of Zhineng Qi Gong”, uno degli Insegnanti cinesi di Zhineng Qi Gong.

 


Dallo Yin e dallo Yang parte una spirale. Che numero vedete in questa immagine, ritoccata da me con paint? L’8.

Grazie Michele Proclamato!

 

 

Come ultima immagine, ecco il retro della copertina del libro “Lather methods Zhineng Qi Gong and Taiji” del Dr. Pang Ming, traduzione di Wei Qi Feng e Patricia Fraser, anche altri libri tradotti dalla Harmonius Big Family hanno sul retro questa spirale, e probabilmente altri libri legati allo Zhineng Qi Gong hanno la spirale come immagine in copertina o dentro al libro.

Uno dei miei Insegnanti di Zhineng Qi Gong, il Maestro Tao Qingyu della Harmonius Big Family , ha scritto:
“La forma della spirale è una delle forme più elementari del movimento nell’Universo, simile alla Via Lattea in cui viviamo, con spirali sia in senso orario che antiorario. Il nostro DNA è influenzato da queste due forze. Con la pratica “Healing Spiral” del Zhineng Qigong, possiamo ricreare lo stato della spirale, attraverso l’uso della coscienza e connetterci a questa fondamentale Energia Cosmica, ottenendo un effetto risonante con i nostri corpi. Questa pratica serve per attivare la nostra profonda vitalità, per aiutarci a guarire e rigenerare i nostri corpi, debellando le malattie.”

Anche Galileo aveva detto che “Il libro della Natura è scritto coi caratteri della geometria”, proprio osservando la natura possiamo vedere sempre all’opera forze rigorose ed inequivocabili che obbediscono a precise leggi matematiche.
La spirale è una curva piana che si avvolge in infiniti giri intorno ad un punto, una struttura onnipresente, ed è una delle forme geometriche più diffuse in Natura: dai fiori del girasole alle corna d’alcuni animali, dal moto dei cicloni alla molecola del DNA, dalle conchiglie alle galassie.

 

Immagine tratta da matematica.unibocconi.it

Del resto basta collegarci ad Archimede e alla sua spirale, ad Aristotele che l’avrebbe spiegata come uno spazio divisibile all “infinito”, o al fatto che la spirale logaritmica è legata alla sequenza dei numeri di Fibonacci, alla Via Lattea, ed altro ancora……lo Zhineng, quindi, si collega alla forza della Spirale Universale per creare la sua forza nel campo di Qi, ed è a questa forza che attingiamo quando pratichiamo Zhineng Qi Gong, attraverso la nostra mente che genera l’intenzione e focalizza gli obiettivi.

∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞

Utilizzare il Campo di Qi nella nostra pratica di Qi Gong e nel luogo dove pratichiamo abitualmente, ci permette di ricevere alcuni miglioramenti energetici che dovrebbero spronarci ad approfondire ulteriormente e a migliorare la nostra comprensione del Qi Gong.
Per organizzare un Campo di Qi, il praticante di Qi Gong (o chi vuole accedere a questo campo), attraverso la sua attività mentale crea un’unità Hunyuan tra il Qi del suo corpo e quello del mondo che lo circonda, facendolo riversare nel Campo di Qi e riempiendolo di Energia.
Per gli antichi Maestri di Qi Gong, nell’Universo esisteva una materia raffinatissima, priva di forma ed aspetto, invisibile, che fu trovata agli inizi della formazione dell’Universo. Nel Zhineng Qi Gong, lo Hunyuan Qi è questo elemento puro e primordiale, Hunyuan significa “Reagire per diventare Uno”, e tutto nell’Universo si forma partendo dal raffinatissimo elemento della materia.

Le teorie fondamentali della fisica studiano il suono, la luce, l’elettricità, il magnetismo, il calore e altre forme di energia. Lo Hunyuan Qi è diverso da queste forme di energia e dai rispettivi campi energetici, scrive il Maestro Pang Ming nel suo libro “Le Abilità Paranormali” (libro che sto traducendo in italiano dall’edizione in inglese tradotta dal cinese da Wei Qi Feng e Patricia Fraser, che prossimamente pubblicherò): “Esistono tre tipologie di materia nell’Universo. La prima è la materia fisica, la seconda sono l’energia e i campi e energetici, la terza è lo Hunyuan Qi (l’informazione). Se vogliamo che la teoria dello Hunyuan Qi della scienza del Zhineng Qigong sia rilevante per le teorie scientifiche moderne, dobbiamo dimostrare che lo Hunyuan Qi può manifestarsi in tutti i tipi di energia, come il suono, la luce, l’elettricità, il magnetismo e il calore. Se questi esperimenti avranno successo, confermeranno l’esistenza delle tre tipologie di materia, ovvero la teoria “trimaterica” della scienza del Zhineng Qigong.”

Quando il Qi della persona che organizza il campo, il Qi del campo in cui lavora, e il Qi della Natura si fondono e si allineano riempiendo il campo in cui lavoriamo, il Qi diventerà abbondante, ovvero la quantità di informazioni sarà abbondante. E’ possibile indirizzare un campo esprimendo delle intenzioni mirate: per la guarigione e per curare una malattia, per esempio.

Il fatto che il campo di Qi abbia o meno effetti, dipenderà dalla sua potenza e dalla sua qualità, e dovrà essere presa in considerazione anche la capacità di assorbimento delle persone all’interno del campo creato. Il risultato del Campo di Qi dipende dall’ambiente, deve essere adatto, con un buon Feng shui ed avere abbastanza potenza. Se l’ambiente non è adeguato e il campo non ha abbastanza potenza, non avrà l’effetto previsto, quindi l’ambiente è considerato fondamentale e molto importante. Praticare spesso nello stesso luogo, favorisce la creazione di un campo di Qi forte a cui connettersi ogni volta, potenziando gli effetti della pratica, è un campo di Qi che mantiene una sorta di memoria energetica.

Se la forza interna di chi organizza il campo è alta e la persona è dotata di una forte capacità di allineare e accumulare lo Hunyuan Qi, la potenza del campo diventerà formidabile. Se al contrario, la forza interna e la capacità di accumulare sono deboli, lo sarà anche il campo.
Ecco perché l’organizzatore di un campo di Qi è un punto di vitale importanza.

Il grado di sincronia che esiste tra l’attività mentale dell’organizzatore e l’obiettivo all’interno del campo di Qi determinerà la qualità; il potere dell’attività mentale inciderà sull’efficacia del campo come mezzo per determinare la forma, nel caso in cui non esistano queste sincronie, l’efficacia dell’organizzatore sarà scarsa. Questo è il punto più decisivo, creare una alchimia energetica di un certo tipo.

L’organizzazione del campo del Qi è gestita dalla persona che crea il campo (l’insegnante di Qigong) ed usa la sua attività mentale per attrarre e accumulare il Qi della Natura all’interno del campo del Qi, allineando e fondendo il Qi del campo con quello dell’oggetto all’interno del campo che attira il Qi dall’esterno, quindi alla Spirale Universale poiché siamo collegati come esseri umani a questa forza.

La fase di “assemblaggio” è fondamentale perché il risultato dell’intero processo dipende dal grado di integrazione dell’attività cosciente dell’organizzatore con lo Hunyuan Qi (origine dell’Universo).

Dopo che il Qi è penetrato dall’esterno del campo all’interno, il Qi accumulato deve essere organizzato dall’interno, in modo che il Qi penetrante e il Qi interno siano sintonizzati. L’esecuzione concreta consiste nell’utilizzare l’attività cosciente dell’organizzatore per allineare e reindirizzare l’intero Qi che si muoverà in una direzione, in modo che il Qi presente nel campo, quello appena accumulato e il Qi delle persone, sia allineato e ottimizzato nello stesso campo.

Successivamente, muovere il Qi del campo con l’intenzione mentale, anche facendo un gesto con le mani, formando grandi e piccole spirali creando una forza centripeta, mentre facciamo questo dobbiamo usare l’intenzione mentale per attirare lo Hunyuan Qi della Natura nel campo, lasciandolo fluire per accumularsi, in questo modo la quantità di informazioni presenti nel campo di Qi sarà ancora più forte. Dopo aver girato le mani, emettiamo anche dei suoni e pronunciamo delle frasi appropriate per infondere le vibrazioni nel campo di energia, rendendolo potente.

Dopo aver completato i due passaggi precedenti (assemblaggio Qi e successiva sincronizzazione), i passaggi rimanenti consistono nell’emissione di intenzioni o istruzioni al campo, dichiarando l’obiettivo specifico e la sua funzione. Nel caso in cui si desideri guarire, viene emessa l’intenzione di guarigione, in modo che il campo agisca secondo la nostra direttiva. Se pratichiamo con un gruppo di persone, dobbiamo coinvolgere tutte le persone nel campo, chiedendo anche a loro di emanare intenzioni simili alle nostre, in modo che ci siano coerenza e sincronia. Questo punto è molto importante.

In sostanza, quello che facciamo quando ci connettiamo al campo di Qi dello Zhineng Qigong, consiste nel mobilitare la forza della Natura (a spirale), perché nella Natura ci sono molte potenzialità energetiche che possono essere attratte dal nostro campo, l’ energia ci aiuterà nel nostro obiettivo di pratica (auto-guarigione) o di guarigione per gli altri, quando esiste questa necessità.

∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞∞

Dobbiamo sviluppare l’abitudine di lavorare prima con il campo del Qi nella nostra vita quotidiana e diventare abili in questo, affinché il campo diventi un riflesso della nostra coscienza per sperimentare il suo potere reale, con la portata e la dimensionalità della nostra mente, del nostro cuore fondendoci nel campo del Qi che ci circonda, un campo che in sé include l’Universo.

Per questo vi aspetto il 7/8 novembre 2020 a Besana in Brianza (MB) per sperimentare la Spirale Energetica dello Zhineng Qi Gong, leggi tutto qui!

Da Cuore a Cuore

Maria Grazia Mauri

Besana in Brianza, 19/01/2020

 

Se l’articolo ti piace condividilo

I commenti sono chiusi.